Danni Del Fumo Sulle Donne

Danni del Fumo Sulle Donne

Il numero delle fumatrici è cresciuto del 60% nell’ultimo ventennio e la quota delle donne che fumano più di 20 sigarette al giorno è triplicata. Questo, ovviamente, ha portato i danni del fumo sulle donne ad avere delle conseguenze devastanti.

Nel periodo compreso tra gli anni Sessanta ed Ottanta, il numero delle morti per cancro al polmone tra le fumatrici è cresciuto da 4 a 7 volte.

Secondo studi recenti, le donne che fumano un pacchetto al giorno potrebbero avere un infarto con un anticipo di 5,2 anni rispetto alle non fumatrici.

In Italia ben 4 milioni di donne fumano e inoltre è sempre più precoce l’età di inizio (11-12 anni).

Il tabagismo – la dipendenza dall’uso di tabacco – aumenta il rischio di ictus, altera il quadro ormonale e abbassa la fertilità.

Danni del Fumo Sulle Donne: Le Patologie

Sono state evidenziate le patologie che colpiscono maggiormente le fumatrici ma quella più seria rimane il cancro in tutte le sue manifestazioni:

  • il cancro ai polmoni
  • il cancro all’utero
  • il cancro alla laringe
  • il cancro alla lingua
  • il cancro all’esofago
  • il cancro ai reni

Secondo le statistiche oggi muoiono più donne di carcinoma polmonare che di quello al seno.

Recenti ricerche mostrano inoltre come la maggior parte delle donne affette da cancro all’utero siano fumatrici – infatti il fumo inibisce le difese immunitarie e facilita la moltiplicazione di virus come il Papilloma Virus).

Quando si parla di danni del fumo sulle donne, bisogna tener presente che le patologie polmonari come la bronchite, l’enfisema e quelle del sistema circolatorio sono ad alto rischio nelle donne fumatrici, specialmente per quelle che usano la pillola.
[cta id=”150″ vid=”0″]

Donne, Danni del Fumo, Menopausa

Un altro dei danni del fumo sulle donne consiste nel fatto che il fumo tenda ad anticipare la menopausa di 1 o 2 anni, a determinare velocemente osteoporosi e quindi il rischio di fratture.

Oltre a questo, i problemi di salute causati dal fumo alle donne includono una più frequente formazione di ulcere gastriche, la presentazione di problemi di debolezza della vescica, e l’inaridimento della pelle con conseguente formazione precoce di zampe di gallina e rughe.

Fumo, Donne in Gravidanza, Danni Ormonali

Danni del fumo sulle donne in gravidanzaI ginecologi sono concordi nel chiedere l’astinenza dal fumo durante la gravidanza. Nelle fumatrici il rischio di una gravidanza extrauterina è più alto del 40% rispetto alle non fumatrici.

I motivi di maggiore pericolosità sono da ricercarsi nel danno ormonale, specialmente sugli estrogeni. Gli estrogeni costituiscono lo scudo ormonale della donna: influiscono sul metabolismo, sul ciclo mestruale e sul sistema immunitario.

Quando questo viene intaccato dal fumo, avviene un calo del livello di estrogeni e aumenta la possibilità di contrarre malattie. La capacità di concepire delle donne fumatrici per ogni ciclo è di circa un terzo più bassa rispetto alle non fumatrici.

Le cellule uovo delle prime rimangono in uno stadio immaturo con frequenza maggiore rispetto alle donne non fumatrici.

Il rischio di morte in culla del bambino aumenta di sette volte per le madri che hanno fumato un pacchetto di sigarette al giorno durante la gravidanza.CIl fumo in gravidanza è stato messo in relazione anche con la morte improvvisa del bambino nell’utero materno.

I componenti del tabacco attraversano la placenta e danneggiano facilmente il feto, causando un rischio maggiore di malformazioni. Il fumo influenza il decorso della gravidanza aumentando le possibilità di un parto o addirittura di aborto.

Danni Estetici Causati dal Fumo

Fumo Donne RugheDal punto di vista estetico è bene sapere che il fumo avvelena la pelle.

La nicotina e gli altri fattori tossici contenuti nei prodotti della combustione del tabacco agiscono sulla pelle in modo complesso: riducono l’ossigenazione della cute causando il colore grigiastro tipico dei forti fumatori.

Il fumo riduce notevolmente la produzione di collagene, elastina e mucopolisaccaridi da parte dei fibroblasti causando perdita di elasticità della cute e aumenta la vulnerabilità ai danni da raggi ultravioletti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *